Vedi l'articolo de L'INCHIESTA qui!

 

Per contrastare la povertà e il disagio familiare e personale, in forte crescita, dopo la grande crisi economica-finanziaria degli ultimi anni, che ormai riguarda non solo una fascia marginale della popolazione ma un numero esteso di persone portatrici di problemi multidimensionali, in Ats con Nuovi Cittadini Ciociari (ente capofila) con le Associazioni La Lanterna, Oltre l’Occidente, Nuovi Orizzonti, Centro dei Diritti e Solidarietà, Città Futura, A.Ge. Cassino, Anolf, Famiglia futura, A.Gen.Di., Lilt, le Acli provinciali di Frosinone promuovono il progetto "POVERI NOI".

Tra le finalità anche quella di diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle modalità con cui affrontare il disagio, contribuendo a ricostruire in termini solidali e di accoglienza il senso di appartenenza alla comunità. Il progetto riguarda il territorio della provincia di Frosinone che, dalle rilevazioni in generale e in particolare dallo studio statistico “Povertà e indebitamento delle famiglie nel Lazio”, risulta essere la più povera della Regione con un’incidenza della povertà oggettiva del 30,1% contro il 19,7% di Roma, il 25,9% di Latina, il 26,5% di Rieti, il 25% di Viterbo.  

Destinatari: singoli e/o nuclei familiari, italiani o stranieri, impossibilitati a soddisfare i bisogni essenziali del vivere quotidiano per problemi di reddito basso, incerto, precario, condizione lavorativa precaria, discontinua o assente; problematiche legate all'alloggio e/o al mantenimento dello stesso, alla salute  e all'educazione dei figli. Si ritiene importante coinvolgere nella realizzazione del progetto anche i titolari di protezione internazionale e i richiedenti asilo presenti nel territorio. Creare una rete di servizi e di sostegno integrata con quelli già attivi nel territorio, risolvere situazioni di disagio, con la raccolta di materiale frutto di donazioni, supportare emotivamente e favorire l’empowerment delle persone in condizioni di disagio e abbandono, promuovere forme di auto e mutuo aiuto tra i destinatari, sono tra i risultati attesi.

L’organizzazione del progetto è collegata alla rete tra i membri Ats e partner con l’individuazione di Social Point su tutto il territorio provinciale, quali collettori periferici dei bisogni, che afferiranno a 4 Social Hub centrali situati a: Frosinone, Arce, Cassino, Sora.

Presso i Social Hub, col relativo supporto degli operatori, verranno svolte attività di accoglienza, consulenza, orientamento, mediazione culturale, presa in carico; sviluppo di relazioni con il territorio (attività produttive, attività commerciali, servizi, persone) per il coinvolgimento e per la raccolta di beni e servizi. Tra gli Hub ci sarà l’Ambulatorio solidale “Insieme con il Cuore” promosso in precedenza dalle Acli di Frosinone, presso le quali continuerà al distribuzione dei medicinali di fascia C alle famiglie.

I Social Hub fungeranno  inoltre da punto di orientamento sanitario in collaborazione con il Consultorio Multietnico della ASL di Frosinone e da luoghi di socializzazione, prevedendo anche l’insegnamento della lingua italiana con le scuole per migranti. Saranno rese operative le procedure, già elaborate e concordate, con alcune attività commerciali per il recupero di alimenti invenduti (prossimi alla scadenza, sulla scia del Last-minute market) per incrementare la disponibilità di alimenti da destinare alle persone. Tramite collette saranno anche raccolti beni non alimentari per l’igiene personale e per l’infanzia, compresi giocattoli nel periodo natalizio. Tutti gli operatori, i mediatori culturali e i volontari si impegneranno a sensibilizzare la cittadinanza, per coinvolgere nel progetto i servizi pubblici distrettuali e per motivarli alla presa in carico.

Acli Frosinone - Via Vado del Tufo n. 156/A - Tel.: 0775/1880443 - Fax: 0775/1563749 - aclifrosinone@pec.it                         Cookie & Privacy Policy